Senigallia – Camper a luci rosse, il mercato del sesso anche a domicilio

SENIGALLIA – Prostituzione en plein air nella città dalla spiaggia di velluto dove le squillo, soprattutto le nostrane senigalliesi, ricevono i clienti in camper. A volte sono sempre gli stessi caravan che si spostano da una zona all’altra della città. Da piazza Amalfi a Marzocca, al parcheggio della piscina di via Pierelli al Vivere Verde fino all’ex Sacelit. Prediligono ampie aree di sosta oppure zone limitrofe ai parchi per avere una maggior discrezione e soprattutto per non incappare nei residenti che poco gradiscono il tour delle meretrici. Spesso vigili urbani e forze dell’ordine vengono chiamate per il fastidio arrecato anche se, spiega la polizia municipale, la sosta dei camper è consentita come altri veicoli e, a meno che non campeggino, non è possibile multarli. Ovviamente l’attività avviene all’interno con le tendine ben oscurate nei finestrini quindi il campeggio abusivo non si può contestare.  Lo chiamano sesso en plein air perché viene utilizzato il camper ma il tutto avviene rigorosamente indoor. Doveroso precisare che non tutti i camper parcheggiati incittà e a ridosso dei polmoni verdi sono adibiti all’intrattenimento a luci rosse, ci sono anche famiglie che, avendo comprato il caravan e non avendo spazio per parcheggiarlo, lo lasciano sulla pubblica via. «Ormai le conoscono tutti – racconta il titolare diun bar – le contatti tramite Facebook la prima volta e prendi appuntamento in chat. Poi per le volte successive ti lasciano il numero di cellulare e via WhatsApp mandi un messaggio per prenotare giorno e ora. Se vuoi il camper te lo portano sotto casa, vengono a domicilio» (corriere adriatico). 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *