A Fukushima radiazioni superiori di 100 volte rispetto a Tokio

Quando Hua Yi, giornalista dell’agenzia governativa Xinhua, ha raggiunto un’area situata a circa cinque chilometri dalla centrale nucleare di Fukushima, il rilevatore ha iniziato a vibrare e attivare ogni tipo di allarme. Il livello di radiazione era tra i 5 e i 10 microsieverts all’ora (unità di misura delle radiazioni, ndr), un dato cento volte superiore a quello della città di Tokyo. Munito di una specifica strumentazione, Hua ha voluto fare dei rilievi durante il suo viaggio alla centrale nucleare di Fukushima Dai-ichi. Come egli stesso spiega, a 24 km, la lettura è stata di circa 0,114 microsieverts all’ora, il doppio rispetto alla capitale giapponese, mentre a 15 km dalla centrale, il dato registrato è superiore di 20 volte. All’interno dell’impianto, vicino a uno dei reattori, le misurazioni sono sempre più preoccupanti: 150 microsieverts all’ora. Decine di lavoratori, costretti a indossare le tute di protezione, sono a conoscenza che all’interno del reattore due, quello rimasto quasi integro, il livello di radiazione non è minimamente paragonabile con l’esterno. Negli altri reattori, quasi irriconoscibili dalle esplosioni di idrogeno, i livelli si attestano a 650 sievert all’ora. Ne bastano 73, per uccidere una persona. Anche i robot inviati per raccogliere informazioni dal reattore hanno subito dei malfunzionamenti a causa dei livelli estremamente elevati di radiazioni. Ripetute gaffe dell’azienda TEPCO, rapporti contraddittori, e messaggi “positivi” da parte del governo giapponese, affermano che il disastro nucleare ha causato danni limitati e le conseguenze sono in fase di studio. Quello che è sicuro, che l’area intorno alla centrale nucleare è completamente paralizzata. Una vera e propria città fantasma fatta di case abbandonate, sacchi di terreno contaminato accatastati e erbacce selvagge. Una zona off limits di 20 km che somiglia molto al territorio che circonda la centrale di Chernobyl  (RaiNews)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *