Il vomito nel cane, a volte puo’ essere sintomo di malattie

Il vomito (espulsione del contenuto gastrointestinale) può avere molte cause e non va confuso col rigurgito (espulsione di un corpo estraneo). Talvolta, la causa è un semplice colpo di freddo, un pasto troppo frettoloso o il digiuno. In questi casi, il vomito è un meccanismo di difesa e non necessita di cure farmacologiche. Il vomito però non deve essere sottovalutato perché può segnalarci la presenza di una patologia acuta o di un’ infezione, soprattutto in concomitanza di altri sintomi (febbre, calo ponderale). Particolare attenzione dobbiamo prestare al vomito biliare (espulsione di bile dallo stomaco), dovuto ad un probabile calo della motilità gastrica. I conati si manifestano quando l’animale è a stomaco vuoto, in genere al mattino presto o alla sera tardi.

Per salvaguardare la salute dei nostri animali è sufficiente rivolgersi al veterinario di fiducia che, dopo un attento esame clinico, ci darà le giuste indicazioni terapeutiche.

Causa
Il vomito è un “segnale d’allarme” che indica che il nostro animale ha dei disturbi di varia natura. Il vomito può essere causato da malattie infettive virali o parassitarie, disturbi infiammatori o malattie di tipo metabolico. 


Segni clinici
Conati di vomito intermittenti che possono verificarsi subito dopo i pasti o a stomaco vuoto. A seconda della patologia l’animale può presentare altri segnali come perdita di peso, febbre, aumento dell’urinazione ecc.
Progressione della malattia se non trattata
Debilitazione cronica.
Progressione della malattia se non trattata
Vomito cronico con gravi conseguenze metaboliche.
Quando chiedere al veterinario?
Interpellate il vostro veterinario di fiducia se il fenomeno del vomito si presenta in maniera non occasionale, se vomita spesso. È indispensabile una visita, se sentite odore di feci/urina nel vomito (probabile conseguenza di occlusione intestinale/insufficienza renale) o se trovate presenza di sangue/bile.
Diagnosi
Esame del sangue completo, analisi delle urine, radiografie, endoscopia, altri esami di laboratorio.
Trattamento
Terapia specifica e collaterale. Chiedi indicazioni al tuo veterinario.
Prognosi
Una volta individuata la causa e sottoposto il cane al trattamento si verifica la scomparsa del fenomeno. Si iniziano a vedere i primi miglioramenti già dopo 24  (Fonte: Malattiedeicani.it) 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *